Cessione del quinto dipendenti pubblici senza trattenuta sulla busta paga: è possibile? Informazioni e dettagli

53

La cessione del quinto è un prodotto molto diffuso tra i dipendenti pubblici: tutto ciò che occorre fare è dimostrare di lavorare da un po’ di tempo come impiegati dello stato e si possono ottenere prestiti molto vantaggiosi modellati sul proprio reddito. 

Nonostante la cessione del quinto sia una soluzione molto popolare e molto nota, sono ancora molti gli utenti che non conoscono in maniera approfondita quale sia il funzionamento del prestito protagonista della nostra guida di oggi. Inoltre, come noterete dalla domanda che ci è stata posta nella guida di oggi, ci sono ancora molti dubbi tra gli utenti riguardo alle meccaniche di stipulazione e pagamento del prestito.

Nella guida di oggi vogliamo rispondere ad una domanda che ci è stata posta dagli utenti: la cessione del quinto dipendenti pubblici senza trattenuta sulla busta paga: è possibile? Nelle sezioni che seguiranno della guida vi diremo tutto quello che c’è da sapere sull’argomento: tutte le informazioni utili e i dettagli che possono rendere più semplice la comprensione del prodotto protagonista della guida.

Se siete interessati nell’argomento, vi consigliamo di arrivare fino in fondo alla nostra guida di oggi: buona lettura.

Cessione del quinto: un’introduzione

Per contestualizzare in modo corretto le informazioni che vi daremo nelle prossime sezioni della nostra guida, dovremo sicuramente spendere qualche riga per parlare, in generale, di come funzionano i prodotti protagonisti della guida di oggi. Se volete soltanto una risposta alla domanda che ci siamo posti nell’introduzione, vi consigliamo di saltare direttamente all’ultimo paragrafo. 

La cessione del quinto è una particolare tipologia di prestito che si basa sul salario annuale dell’utente. Quando la banca o la finanziaria acconsente ad erogare un prestito con cessione del quinto, lo fa in funzione della quantità di denaro che l’utente riceve come pagamento per il suo lavoro ogni anno. In particolare: l’ammontare massimo del prezzo equivale ad un quinto del salario totale annuale del richiedente. Quindi, se un utente (ad esempio) dovesse guadagnare cinquemila euro all’anno, allora il prestito sarebbe di mille euro.

Il fatto che il prestito sia realizzato “su misura” in base alle entrate dell’utente non è una limitazione, ma bensì un vantaggio: con un prestito realizzato in questo modo l’utente ha pochissime possibilità di cadere nell’insolvenza o nei ritardi sul pagamento.

La cessione del quinto non è soltanto un modo molto semplice per richiedere in modo rapido e “indolore” un prestito, è anche un’ottima garanzia da offrire alla banca: se l’utente si impegna a dare un quinto del proprio stipendio per saldare il debito, ovviamente conquisterà facilmente la fiducia della banca. 

La cessione del quinto, infine, è anche un ottimo modo per saldare il debito senza alcun tipo di disturbo o perdita di tempo: il datore di lavoro (lo stato, in questo caso) invierà direttamente il denaro alla banca, detraendolo dallo stipendio dell’utente. Un metodo sicuro, che non ammette ritardi e che evita qualsiasi tipo di insolvenza. 

Cessione del quinto per dipendenti pubblici, entriamo nel dettaglio

Parliamo ora del prodotto protagonista della guida di oggi: il prestito con cessione del quinto per dipendenti pubblici. Questo prodotto non varia molto dal prodotto che possono richiedere gli utenti impiegati presso aziende private: le “regole” e il funzionamento di cui abbiamo parlato nella sezione precedente valgono anche per i prodotti offerti dallo stato.

Ciò non di meno è importante sottolineare che lo stato rappresenta una garanzia molto importante per tutti coloro che vogliono entrare in fase di stipulazione con una banca. Lo stato, infatti, viene considerato molto più solido della grande maggioranza delle aziende e, quindi, meno incline a lasciare l’utente senza stipendio. Ovviamente occorre sempre valutare il settore di impiego, l’andamento dei mercati e così via. 

Per il dipendente pubblico, inoltre, esistono anche speciali “agevolazioni” che permettono di ottenere contratti speciali utili per semplificarsi la vita: esistono prestiti appositi per militari, per impiegati nella sanità pubblica e così via. Tra queste “offerte” vale la pena ricercare i prodotti senza detrazione dello stipendio, perchè in qualsiasi altro contesto sarebbe impossibile cercare qualcosa di simile a quello richiesto nella domanda che ci siamo posti all’inizio della guida. Quindi, alla luce di quanto abbiamo appena detto, passiamo alla sezione finale della nostra guida di oggi, all’interno della quale risponderemo alla domanda che ci siamo posti!

Cessione del quinto senza detrazione dello stipendio: è possibile?

E’ ora di fare il punto e mettere insieme tutto quello che abbiamo detto per capire se sia possibile ottenere un prestito con cessione del quinto senza detrazione dallo stipendio. La risposta breve per gli utenti che non vogliono perdere tempo è: no, il contratto di cui abbiamo parlato è direttamente legato allo stipendio dell’utente che viene usato sia come metodo di saldo che come garanzia. 

Ciò non di meno esiste la possibilità che una banca permetta il saldo anche tramite i risparmi contenuti nel conto corrente dell’utente. Queste soluzioni sono solitamente impiegate per prestiti finalizzati che hanno lo scopo di rateizzare un pagamento di un bene o un servizio molto costoso. Non si tratta di una soluzione che permette in ogni caso di ottenere un prestito senza detrazione dallo stipendio ma è comunque una soluzione che potrebbe fare comodo ad una nicchia di utenti. 

Come ultimo consiglio vogliamo ricordarvi che il mondo dei prestiti è sempre in evoluzione: controllate le offerte dei prestiti inps, dei prestiti bancari e delle maggiori finanziarie per essere sicuri che non siano spuntate nuove proposte!

Arrivati a questo punto possiamo ritenere conclusa la nostra guida completa con tutto quello che c’è da sapere sulla cessione del quinto per dipendenti pubblici senza trattenuta sulla busta paga. Speriamo di aver chiarito ogni possibile dubbio riguardo l’argomento trattato. 

Nel caso in cui vogliate raccogliere maggiori informazioni sul mondo dei prestiti con cessione del quinto, vi consigliamo di sfogliare le pagine del nostro sito: tra le decine e decine di diverse guide che abbiamo pubblicato, siamo sicuri che riuscirete a trovare le informazioni e i prodotti che fanno al caso vostro.

Come sempre vi ringraziamo per l’attenzione e il tempo che ci avete dedicato per arrivare fino in fondo alla nostra guida: alla prossima!