Cessione del quinto dipendenti pubblici per acquisto prima casa: spiegazione, offerte, vantaggi, limiti

32

I contratti per prestiti con cessione del quinto sono una delle risorse migliori che i dipendenti pubblici possono usare per realizzare qualsiasi progetto passi loro per la testa. Abbiamo più volte parlato di come sia effettivamente molto semplice per un lavoratore assunto dallo stato trovare una banca che conceda un prestito, specialmente se la somma richiesta è ben rapportata a quella ricevuta ogni mese. Nel mondo dei prestiti vale sicuramente la pena sottolineare l’importanza dei prestiti con cessione del quinto come “armi” a disposizione di tutti i lavoratori statali (da coloro che lavorano in ufficio ai membri dell’esercito) per realizzare i propri progetti.

Oggi, in particolare, vorremmo parlarvi dei  prestiti con cessione del quinto per dipendenti pubblici usati per acquistare una prima casa. Scopriremo come si può usare un prestito con cessione del quinto in modo molto simile ad un mutuo e avremo modo di esplorare quali siano i vantaggi, i limiti e le offerte dei contratti protagonisti della nostra guida di oggi: buona lettura!

Cessione del quinto per acquistare la casa, come funziona?

I prestiti con cessione del quinto sono dei contratti dal funzionamento molto semplice: un utente cede alla banca un quinto del proprio stipendio mensile per saldare la rata del prestito. Un funzionamento molto semplice e con poche operazioni da parte dell’utente dato che il denaro verrà destinato direttamente dal datore di lavoro. Inoltre, il contratto protagonista del nostro blog, è molto sicuro sia per le aziende che danno il denaro, sia per l’utente che deve saldare il debito.

Il sistema che vi abbiamo spiegato nel paragrafo precedente può essere facilmente utilizzato per richiedere somme consistenti di denaro. Il prestito con cessione del quinto, infatti, è un metodo talmente sicuro per stringere contratti con banche e finanziarie che può essere usato in modo simile ad un mutuo. Ovviamente, non essendo la cessione del quinto un mutuo, esistono delle differenze che possono risultare sia in vantaggi che in limiti. 

Nelle prossime sezioni della guida vedremo sia quali sono i vantaggi della cessione del quinto come metodo per finanziare progetti a lungo termine, sia i limiti che questo contratto impone se viene usato, ad esempio, per acquistare una prima casa. 

Acquisto della prima casa con cessione del quinto: i limiti

Iniziamo subito con il parlare di quelli che sono i principali limiti del tipo di contratto che stiamo analizzando nella nostra guida di oggi. Vale la pena sottolineare che i limiti che vi stiamo per presentare non sono “difetti” del contratto ma sono veri e propri limiti imposti dalle modalità con cui viene sottoscritto il prestito.

In primo luogo la somma di denaro che viene prestata è inferiore a quella di un mutuo per la prima casa. Solitamente quando si acquista un immobile da destinare ad abitazione con un mutuo si può avere fino all’ottanta per cento del valore dell’immobile da restituire in rate per dieci, venti o trent’anni. Quando si usa il contratto protagonista della nostra guida di oggi, invece, il valore massimo che può essere richiesto si aggira attorno ai diecimila euro circa. E’ una somma di denaro importante che, però, non si avvicina nemmeno lontanamente alla cifre proposte dai mutui. Questo limite diventa importante se il prezzo dell’abitazione che si vuole acquistare è molto alto, oppure se la liquidità disponibile all’utente non è molta. Va anche detto che i mutui hanno periodi di ammortamento molto lunghi, mentre i prestiti con cessione del quinto possono essere risolti molto velocemente.

Il secondo limite sul quale vogliamo farvi porre l’attenzione è quello dei tassi d’interesse: avere un tasso alto significa, in poche parole, spendere di più ogni mese. Sempre relazionandoci ai mutui, la soluzione più usata per l’acquisto della prima casa, possiamo parlare di una differenza che può arrivare al tre per cento nei tassi d’interesse. Ovviamente esistono anche contratti per prestiti con cessione del quinto che propongono tassi molto bassi ma, in generale, il mutuo può essere sfruttato con agevolazioni e speciali offerte che permettono quasi sempre di risparmiare sui tassi d’interesse.

I vantaggi della cessione del quinto per acquistare una prima casa

La cessione del quinto è un tipo di contratto che può presentare dei vantaggi importanti quando si acquista una prima casa, vediamo quali sono!

Il primo vantaggio è sicuramente la facilità di ottenimento del prestito in questione. Non occorre presentare piani e progetti per quanto riguarda l’immobile scelto, non occorre far valutare dalla banca l’immobile e così via. Questo vantaggio è importante perchè ci permette di avere rapidamente il denaro, così da non farsi scappare la casa ideale per le proprie esigenze.

Il secondo vantaggio che vogliamo presentarvi, invece, riguarda un aspetto del mutuo, principale competitor del nostro protagonista, che tutti tendono a temere: l’ipoteca. Ipotecare l’immobile che si acquista con il mutuo significa usarlo come garanzia e di conseguenza prepararsi ad un eventuale recupero crediti da parte della compagnia se non si salda il debito. Il prestito con cessione del quinto non presenta questo tipo di aspetto e, quindi, l’utente può dormire sonni più tranquilli.

Il terzo vantaggio è quello che, nella grande maggioranza dei casi, le spese per un contratto con cessione del quinto sono minori rispetto a quelle delle principali alternative. Data la durata relativamente breve del contratto non sarà necessario stipulare polizze assicurative sulla vita dell’utente e così via. Questo vantaggio compensa un po’ con i tassi più alti di cui vi abbiamo parlato nella sezione dedicata ai limiti del prestito con cessione del quinto.

Con questo ultimo appunto possiamo avvicinarci alla conclusione della nostra guida completa di oggi, all’interno della quale vi abbiamo spiegato quali sono i vantaggi ed i limiti del prestito con cessione del quinti per dipendenti pubblici usato come finanziamento per acquistare una prima casa. Speriamo di avervi fornito informazioni chiare ed esaustive, nonché di semplice comprensione. Come sempre ci teniamo a ringraziarvi per il l’attenzione e il tempo che avete dedicato nella lettura della nostra guida di oggi e, come al solito, vi invitiamo a sfogliare le altre pagine del nostro blog nel caso in cui vi servano altre informazioni sull’argomento. Alla prossima guida!